L’opposizione di Cinisello solleva dubbi: «Nessun investimento in educazione e formazione»

Una lunga riflessione, partendo dal passato fino ad arrivare per spiegare il proprio punto di vista. Il tema, a Cinisello Balsamo, è quello dei fondi destinati all’infanzia. A sollevare i dubbi è l’opposizione di Cinisello Balsamo. «Bisogna risalire al 2017 ossia a quando il Ministero ha comunicato finanziamenti ingenti specificatamente dedicato ai Servizi 0/6 anni, che sarebbero poi state erogate ai Comuni tramite le Regioni. Il comune di Cinisello Balsamo, partecipando al conseguente bando regionale si aggiudica circa 300.000 euro per realizzare il Sistema integrato 0/6, così come previsto dai Decreti attuativi della legge ‘la Buona Scuola’» spiegano i membri della precedente amministrazione.

Un progetto articolato per lavorare al fianco delle scuole della durata di tre anni, come prevede il finanziamento. «Cinisello Balsamo è tra i pochi comuni ad aver messo in piedi un impianto così articolato – proseguono -. I tecnici del Comune vengono contattati dal Gruppo Nazionale Nidi per raccontare il metodo e le progettualità del Tavolo 0/6». Poi nel giugno 2018 le elezioni sanciscono il cambio della guardia alla guida di Cinisello Balsamo. «Per un intero anno – puntano il dito -, il successivo, il Tavolo 0/6 non viene convocato. E con il primo bilancio della nuova amministrazione avviene che il finanziamento ricevuto dalla Regione, che per legge deve essere dedicato a proposte aggiuntive, è utilizzato per coprire le spese di gestione dei Servizi del Comune. La seconda annualità delle diverse progettazioni, non può essere realizzata: i fondi sono stati destinati ad altro. Dei 295,976 mila euro ricevuti, ben 193,810 mila euro sono destinati a spese di gestione. Di fatto, al netto di quanto dovuto alle Scuole Paritarie e di quanto necessario per il pagamento dei Voucher dei nidi accreditati, il finanziamento effettivo per i progetti del Tavolo è di 43,000 mila euro. Poche briciole, decisamente insufficienti».

La parola passa poi ai singoli rappresentanti dell’opposizione cinisellese. «Il nostro disappunto è davvero grande, non c’è nessuna progettazione e nessun investimento in educazione e formazione. Manca una visione si sviluppo dei servizi» dichiara il capogruppo del Pd Andrea Catania. «Come è possibile che fondi derivanti da un finanziamento regionale siano destinati ad altro?» aggiunge il consigliere Marco Tarantola.«L’affossamento del progetto 0/6 è l’ennesima dimostrazione dell’incapacità amministrativa e di visione politica di questa giunta che sta producendo danni gravissimi al tessuto culturale e sociale della nostra città» rincarano la dose Nadia Rosa e Massimo Bricchi de La Città Giusta. «Chiederemo in consiglio comunale, con la variazione di bilancio, che questi fondi vengano ripristinati ed utilizzati come investimenti sui nidi comunali» conclude la consigliera Gianfranca Duca della Lista Cinisello Balsamo Civica.