Cinisello, il Pd chiede spiegazioni sul servizio di pre e post scuola

bambino che gioca, foto di repertorio

Il Partito Democratico di Cinisello Balsamo chiede all’amministrazione comunale di muoversi attivamente per poter organizzare un servizio di pre e post scuola in città.

«Sempre più numerose sono le segnalazioni pervenute al Partito Democratico rispetto alle difficoltà di molte famiglie cinisellesi in cui entrambi i genitori lavorano e non sanno a chi lasciare i propri figli in
orari extra scolastico», scrive il Pd in una nota.

A partire da settembre, l’uso dello smart-working è stato parzialmente ridotto in alcune aziende e non tutti hanno la disponibilità economica per affidarsi a un baby sitter. Il servizio del pre e dopo scuola potrebbe rispondere a questa esigenza ma ad oggi non ci sono ancora notizie ufficiali da parte del Comune rispetto alla sua riattivazione.

«Sicuramente l’emergenza Covid-19 impone di ripensare all’organizzazione di questo servizio poiché, ad esempio, al contrario del passato non è possibile mettere insieme bambini e bambine che fanno parte di classi diverse, oltre a dover essere rispettato l’obbligo di distanziamento e di igienizzazione degli spazi. Questi vincoli tuttavia non giustificano il silenzio attuale da parte dell’Amministrazione Comunale. Quante scuole hanno spazi liberi per questo tipo di attività e quali sono invece sature? Quante associazioni sono state contattate per verificare la loro disponibilità? Ci si sta muovendo in modo unitario sul territorio o i dirigenti scolastici sono lasciati soli nell’affrontare la riapertura del pre-dopo scuola? L’Amministrazione Comunale dovrebbe disporre di tutte queste informazioni ma ad oggi l’assessorato all’istruzione non ha pronunciato una parola al riguardo. Da quanto risulta al Partito Democratico, alcune scuole si stanno attivando e ci sono associazioni disponibili a collaborare ma non è accettabile che non ci sia alcuna regia da parte del Comune e che non venga detto nulla alle famiglie».

Il Partito Democratico chiede quindi alla Giunta di attivarsi: «Per avere una risposta a queste domande e spronare l’assessorato a uscire dal letargo estivo, i consiglieri comunali del Partito Democratico presenteranno durante il prossimo Consiglio Comunale un’interrogazione consiliare con richiesta di riscontro urgente. I genitori cinisellesi meritano delle risposte».